Lazio. Carta nautica

Il Lazio nella carta nautica del Mediterraneo occidentale
Tavola
9
Titolo

Il Lazio nella carta nautica del Mediterraneo occidentale

Autore
Pietro Vesconte
Disegnatore
Pietro Vesconte
Datazione
1318-1321
Descrizione

La presente carta nautica deriva da un originale dipinto su pergamena e viene parzialmente riprodotta dal Frutaz a colori per cogliere più facilmente i singoli dettagli (v. tav. 8). Carta non graduata che rappresenta la costa dell’Italia occidentale e orientale, della Dalmazia e della Francia. La rosa centrale dei venti è collocata tra l’Italia e la Sardegna ed è accompagnata da altre rose secondarie. Sono inoltre raffigurati gli emblemi delle città marinare.

Tecnica
Disegno a colori
Dimensioni originali
29,8 x 23,5
Fonte

A. P. Frutaz, Le carte del Lazio, Roma 1972, II, Ib, 9.

Nota bibliografica

A. P. Frutaz, Le carte del Lazio, I, IV, Roma 1972, pp. 6-7.

Note

Originale presso la Biblioteca Apostolica Vaticana, cod. Vat. Lat. 2972, foll. 109-110, contenente la prima edizione del Liber secretorum Fidelium Crucis, di Martin Sanudo il Vecchio e presentato il 21 sett. 1321 dallo stesso autore al papa Giovanni XXII. Le più antiche carte nautiche d'Italia sono la carta Pisana della fine del sec. XIII; la carta di Giovanni da Carignano del 1300 circa; le carte del Vesconte già operante nel 1311; la carta di Angelino de Dalorto del 1325. Complemento alle carte nautiche sono i Portolani (i più antichi risalgono alla fine del XIII secolo) nei quali vengono descritte le coste marittime con le distanze da porto a porto, le maree, la direzione dei venti e le difficoltà della navigazione in determinati punti della costa.