Cartografia

Servizi Pubblici - Strutture Scolastiche e Sanitarie

Servizi Pubblici - Strutture Scolastiche e Sanitarie
Visualizzatore Cartografico della MappaWMSDataset

Il progetto cartografico che abbiamo titolato “Servizi Pubblici: strutture Scolastiche e Sanitarie” è parte integrante della produzione cartografica di competenza del Sistema Informativo Geografico – GIS (di seguito GIS), ed esso è un elemento costitutivo, unitamente agli altri progetti cartografici-tematici, del “Catalogo Cartografico” del nuovo “Geoportale”.
Nel caso specifico parliamo dell’elaborazione e della rappresentazione, nonché della disposizione, della distribuzione e della organizzazione in un’unica mappa, di due entità fisiche diverse, due realtà presenti nel territorio della Città metropolitana di Roma Capitale (di seguito CMRC) e sono le:

  • strutture del sistema scolastico;
  • strutture del sistema sanitario.

Entrambe inquadrate e posizionate nel riconoscimento delle loro attività e necessità che permettano di stabilire delle relazioni con il tessuto paesaggistico della CMRC, definito da un disegno d’insieme che abbia un significato funzionale e formale.
Le informazioni ‒ raccolta di dati georeferiti nell’essere utilizzati per analisi di pianificazione e conoscenza dei fatti territoriali-paesaggistici ‒ allestite su basi cartografiche e illustrate stratigraficamente, sono ben esplicitate nella legenda che accompagna la tavola e sono derivate da:

  • per il Sistema Scolastico (istituti comprensivi, scuole d’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di I e II grado, università): dati in possesso del GIS e dati provenienti da altre fonti quali quelle universitarie per l’anno 2018, e dati derivati dai distretti scolastici (ad esempio ne sono stati rappresentati n.52) oltre a quelli degli Istituti aggiornati per l'anno scolastico 2019-2020;
  • per il Sistema Sanitario (ospedali e strutture sanitarie): dati delle ASL al 2016 e dati che discendono dai distretti sanitari (ad esempio ne sono stati rappresentati n.8: da Roma/A a Roma/H) e da altre fonti quali quelle regionali e quelle universitarie, quest’ultime riferite al biennio 2018-2019.

Di seguito diamo un quadro sintesi del ruolo raffigurativo svolto dalla tavola cartografica:

  1. Strutture Sistema Scolastico. Edifici distribuiti territorialmente nella CMRC, che per definizione tipologica, requisiti funzionali, consistenza dimensionale e identità figurativa rivelano la complementarità con l’architettura per le comunità, i cui connotati tipologici e linguistici dovrebbero evidenziare strutture di ampia funzionalità in grado di condensare la vita sociale. Per questa via il linguaggio non è al servizio di un’astrattezza ma offre una riconoscibilità a determinati fatti insediativi.
  2. Strutture Sistema Sanitario. Edifici anch’essi dispensati nel territorio della CMRC, dove le attività sanitarie definiscono un centro e un perimetro di fabbricati specializzati in rapporto di frontalità, una microurbanistica dai diversi livelli insediativi, determinata dalla loro stessa connotazione tipologica. Si configurano così delle vere e proprie isole, che concentrano situazioni comunitarie assegnando un luogo alla popolazione e proteggendo le svariati attività.

A prescindere dalla qualità rappresentativa dei due temi trattati e contenuti nella tavola cartografica, va detto che essi pongono degli interrogativi volti al riconoscimento dei limiti organizzativi dell’apparato urbano delle architetture comunitarie, nell’allestimento e nella dislocazione dei servizi citati che costituiscono la vita sociale e, allo stesso tempo, meritano una riflessione separata nel capire il perché le infrastrutture si presentano mancanti o fatiscenti, le attrezzature approssimative, quelle culturali, quando esistono, largamente carenti che portano nel complesso alla: incompletezza strutturale come decadimento complessivo di un sistema.
L’impianto del progetto così come è stato pensato e definito è subordinato nel voler dare tutte le informazioni utili alla comprensione della realtà territoriale. Esso nasce con la finalità di proiettarsi verso la effettiva domanda dell’utenza che esprime bisogni reali (ad esempio il tempo della distanza dalle strutture scolastiche e dalle strutture ospedaliere) e, non fittizi, dettati da regole di comportamento che definiscono categorie possibili dai requisiti tecnico-progettuali, aventi obiettivi dichiarati che possano guidare e motivare le scelte concretamente perseguite da tutti gli attori coinvolti.

 

 

  • Tipologia: Carta tematica
  • Categoria Inspire: Reti, infrastrutture e servizi di comunicazione
  • Anno: 2020
  • Scala: 1:10.000
  • Ente: Città metropolitana di Roma Capitale